Back to Top

 

 
  Montagne martiri  
   
  Ogni anno vengono asportati 1.500.000 metri cubi di montagna da uno dei più bei complessi montuosi al mondo, le così definite montagne d'acqua che hanno meritato il nome di Alpi apuane e che vivono la contraddizione della distruzione a causa delle attività estrattive legate alla presenza del marmo pur essendo tutelate da un Parco regionale dal 1985 ed oggi riconosciuto come uno dei Geoparchi della European Geopark Network.
Grazie alla tecnologia moderna si sta infliggendo alle montagne un grave disastro ambientale in un tempo velocissimo.
Sono circa 9 milioni le tonnellate di marmo prodotte ogni anno, di cui  3/4 in scaglie destinate all’edilizia e alla produzione di carbonato di calcio con cui fare i dentifrici, sbiancare la carta, realizzare dei paradossali filtri per gli acquedotti ed altro.
In queste montagne si trovano riserve di acqua purissima, vivono più di tremila specie di fiori,  le aquile nidificano…. è civiltà ridurre tutto questo in dentifricio?